Opportunità di finanziamento e bandi per le imprese. La nostra selezione

BANDI PER AZIENDE: serve aiuto?

Trovare la giusta opportunità di finanziamento, sapere dove cercare il bando, comprenderne i requisiti, preparare tutti i documenti nella forma corretta è indispensabile per ottenere i finanziamenti per imprese.

Per questo Polo Navacchio supporta le aziende in ognuna di queste fasi:

  • identificazione del bando idoneo
  • verifica dei requisiti
  • definizione del budget
  • supporto nella scrittura del progetto o revisione della proposta progettuale
  • presentazione delle domande di finanziamento/contributo
  • monitoraggio dei risultati
  • supporto alla gestione della rendicontazione amministrativa del progetto.

Se hai bisogno di supporto per la tua azienda, parlane con Silvia Marchini:
marchini@polotecnologico.it | 050 754 121

Credito d’imposta

Il 2020 sta per chiudersi, è il momento giusto per fare un’analisi delle spese che la tua azienda ha sostenuto e capire qual è l’ammontare del credito d’imposta a cui avresti diritto.

Per le attività di ricerca, sviluppo, innovazione e design in particolare, il credito d’imposta consiste in un’agevolazione fiscale applicata in compensazione, in tre quote annuali di pari importo, così definita:

  • attività di ricerca e sviluppo. Il credito d’imposta è al 12% fino a un tetto di spesa di 3 milioni di euro.
  • attività di innovazione tecnologica. Il credito d’imposta è al 6% per una spesa fino a 1,5 milioni di euro. Se le attività sono finalizzate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati per raggiungere un obiettivo di transizione ecologica o di innovazione digitale 4.0, il credito d’imposta sale al 10%.
  • design e innovazione estetica: riguarda le imprese dei settori tessile, moda, calzaturiero, occhialeria, orafo, mobile e arredo, ceramica, per la concezione e realizzazione dei nuovi prodotti e campionari. Il credito d’imposta è al 6% fino a 1,5 milioni di euro.

Novità in arrivo inoltre nei primi mesi del 2021 per i crediti d’imposta ricerca, sviluppo, innovazione e design – beni strumentali – formazione. Si prevede infatti un’estensione di queste agevolazioni fiscali a favore delle imprese.

Per saperne di più e avere una prima valutazione delle spese ammissibili, richiedi il nostro servizio di check-up gratuito scrivendo a marchini@polotecnologico.it
Le nostre esperte ti aiuteranno a selezionare le spese su cui puoi beneficiare delle agevolazioni e a capire l’ammontare del credito d’imposta a cui la tua azienda avrebbe diritto.

 

Smart Money

Smart Money è un’agevolazione promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico per le startup innovative che punta a:

  • sostenere le startup innovative nelle spese connesse alla realizzazione di un piano di attività, svolto in collaborazione con gli attori dell’ecosistema dell’innovazione (incubatori certificati, acceleratori, innovation hub, organismi di ricerca);
  • sostenere gli investimenti nel capitale di rischio delle startup innovative da parte degli attori dell’ecosistema dell’innovazione (oltre agli attori menzionati nel punto precedente anche business angels e investitori qualificati).

Sostegno alla realizzazione di piani di attività
Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo a fondo perduto, in misura pari all’80% delle spese sostenute e ritenute ammissibili, nel limite massimo di 10.000,00 euro per startup innovativa.

Tra le spese ammissibili:

  • la consulenza organizzativa, operativa e strategica per lo sviluppo e all’implementazione del progetto;
  • la gestione della proprietà intellettuale;
  • il supporto nell’autovalutazione della maturità digitale;
  • lo sviluppo e lo scouting di tecnologie;
  • la prototipazione, ad esclusione del prototipo funzionale;
  • i lavori preparatori per campagne di crowfunding;
  • solo se associata alla fornitura di servizi rientranti negli ambiti precedenti, la messa a disposizione dello spazio fisico e dei relativi servizi accessori di connessione e networking necessari per lo svolgimento delle attività di progetto.

Investimenti nel capitale di rischio delle startup innovative
A fronte dell’investimento nel capitale dell’impresa da parte di un attore dell’ecosistema dell’innovazione, alla stessa impresa è riconosciuta un’altra agevolazione nella forma di contributo a fondo perduto, in misura pari al 100% dell’investimento nel capitale di rischio attuato dagli attori dell’ecosistema dell’innovazione abilitati, nel limite complessivo di 30.000,00 euro per startup innovativa.

Le modalità e i termini di apertura dello sportello per la presentazione delle domande di agevolazione non sono ancora noti. Saranno comunicati successivamente dal MISE e resi disponibili nei siti web del MISE e di Invitalia.

 

Smart&Start

Smart&Start Italia è l’incentivo che sostiene la nascita e la crescita delle startup innovative costituite da non più di 60 mesi e iscritte alla sezione speciale del registro delle imprese e i team di persone fisiche che vogliono costituire una startup innovativa in Italia.

Finanzia progetti compresi tra 100.000 euro e 1,5 milioni di euro mediante un finanziamento a tasso zero, senza alcuna garanzia, a copertura dell’80% delle spese ammissibili. La percentuale può salire al 90% se la startup è costituita interamente da donne e/o da giovani sotto i 36 anni, oppure se tra i soci è presente un esperto col titolo di dottore di ricerca italiano (o equivalente) che lavora all’estero e vuole rientrare in Italia.

Smart&Start Italia finanzia le spese per acquistare beni di investimento, servizi, spese del personale e costi di funzionamento aziendale.
Il progetto imprenditoriale deve possedere almeno una delle seguenti caratteristiche:

  • avere un significativo contenuto tecnologico e innovativo
  • essere orientato allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale, dell’intelligenza artificiale, della blockchain e dell’internet of things
  • essere finalizzato alla valorizzazione economica dei risultati della ricerca pubblica e privata.

La domanda può essere presentata esclusivamente online, mediante il portale di Invitalia, in ogni momento fino a esaurimento delle risorse.

 

Microcredito per le imprese giovanili e femminili

Il 4 gennaio 2021 riaprirà il bando della Regione Toscana che sostiene mediante il microcredito la creazione e l’avvio di micro e piccole imprese giovanili, femminili, di destinatari di ammortizzatori sociali o liberi professionisti, che operano nei settori manifatturiero, commercio, turismo e terziario.

Si tratta di prestiti a tasso zero, da restituire in sette anni, pari al 70 per cento dei costi ammessi fino ad un massimo di 24.500 euro. Si potrà chiedere un finanziamento su progetti di investimento da 8mila a 35mila euro.

Potranno presentare domanda sia le micro e piccole imprese già costituite (da non più di due anni) e sia le persone fisiche che intendono avviare una nuova attività entro sei mesi.

Il bando sarà attivo dalle ore 9.00 del 4 gennaio 2021 fino a esaurimento fondi.

CONTATTI

Per maggiori informazioni su bandi e per supporto nella presentazione delle domande, contatta:
Silvia Marchinimarchini@polotecnologico.it
Giulia Gorigori@polotecnologico.it

 

CHIUDI
Graphic design & Web development
Content Strategy
Produzione contenuti multimediali